Per mangiare
Seguici su Facebook

Ristorante sardo Parma - Mariposa

 

Immergersi nella cucina tipica sarda significa prepararsi a sapori nuovi, originali, che hanno attraversato la storia della nostra isola e dei nostri avi.
Tante sono le pietanze da scoprire, conoscere e assaporare tra gusti decisi e di carattere, come la nostra terra.

 

 

I pani 

 Il prodotto tipico per eccellenza e il pane carasau dove ogni sardo si identifica come se fosse la bandiera dei quattro mori, se nel mangiare c'è la storia di ogni popolo il pane carasau sembra fatto a posta per i pastori sardi o almeno quelli di una volta dove rimanevano giorni e mesi senza tornare in paese, questo tipo di pane dura a lungo per non perdere la sua fragranza basta conservarlo in luogo asciutto, è versatile e si può utilizzare in tanti modi, ma la cultura del pane in Sardegna e davvero ricca, in tutti i paesi per ogni cerimonia o festa vengono fatti i pani diversi da un paese all'altro, certi sono vere opere d'arte, infatti esistono musei delle tradizioni e dei costumi dove sono esposti i pani.

 

 

Formaggi e latticini 

 

:la Sardegna pur essendo un'isola, la cultura prevalente e di terra un popolo di contadini ma sopratutto pastori, quindi un pezzo di formaggio in tavola non manca mai il prevalente rimane il pecorino di varie stagionature, ultimamente ci sono nuove sperimentazioni, tipo il grana anglona o simili con pezzature triple rispetto alla tradizione, o qualche erborinato, oppure le creme di pecorino per ricordare il gusto del formaggio coi vermi “su casu marzu”, anche il pecorino romano la maggior quantità e prodotta in Sardegna, poi ci sono le ricotte fresche stagionate o affumicate poi la frue, una cagliata acidula fresca o in salamoia, e poi “su casezzolu” un caciocavallo fatto a pasta filata da latte vaccino.

 

Salumi:

Il salume più usato sono le salsicce una specie di salame con budello più piccolo fatto a forma di "U", non è  uguale in tutta la Sardegna ogni famiglia ha la propria ricetta, qualcuno aggiunge semi di finocchietto oltre alle varie spezie, poi il prosciutto, il capocollo, la pancetta stesa, il guanciale detto “grandula” sa mustela un filetto di maiale stagionato.



 

Prodotti della terra: 

Oltre hai vari ortaggi che vengono coltivati in tante regioni d'italia c'è qualche prodotto che caratterizza la Sardegna come eccellenza, questi sono i carciofi con la spina, i cardi, lo zafferano le fave e il pomodoro camone (quello piccolo). Poi dalla flora ancora incontaminata le api producono eccellenti mieli tra cui quello di corbezzolo un miele amaro, eccellente con diversi accostamenti, e ancora il mirto le olive gli oli, soprattutto quelli fruttati

 

 

La bottarga: 

Il caviale sardo che nasce nello stagno di Cabras provincia di Oristano, queste sacche di uova di muggine essicate col sale si presta a gustosi antipasti e indimenticabili spaghetti.

 

 

I malloreddos

 

gnocchetti di semola di grano duro sono conosciuti in tutta la Sardegna cucinati in maniere diverse, vengono chiamati anche “ciccioneddos o macarrones de punzu.

 

 

Maccarrones de busa: 

 

Una pasta fatta a mano arrotolata sul ferro della maglia, o detto anche maccarrones de ferritu.

 

 

Pane frattau:

Il pane carasau bagnato in acqua salata poi condito a strati con sugo di pomodoro formaggio pecorino e un uovo in camicia messo sopra.

 

 



 

Zuppa gallurese : 

 

Pane raffermo messo su una tegame condito a strati con formaggio fresco “ casezzolu” o pecorino, brodo di pecora poi messo in forno.

( Noi la facciamo su ordinazione )

 

 

 

La fregula : 

Palline di semola grossa o fine, sicuramente derivazione araba paragonata a un cus cus può essere utilizzata in vari modi, il piatto più conosciuto e con le arselle.

 

 

 

I cululgiones :

Ovvero ravioli ripieni ci sono di diversi tipi, ripieni di formaggio nella zona di Nuoro, con patate e la menta in Ogliastra, di ricotta in Gallura e altre varianti.

 

 Ci sono piatti stagionali con fave e carciofi, nel nostro menù ci sono piatti di fantasia utilizzando i prodotti della nostra terra.

 

 

 

Le carni: 

Quando si vuole mangiare un pranzo tipico la pecora l'agnello o il maialetto non mancano mai, la Sardegna e tra le prime cinque regioni d'Italia che consumano e in parte producono carne di maiale naturalmente compreso i maialetti, in ogni famiglia c'è un caminetto a misura di spiedo.

 

Se si parla di carni non si può parlare di pecora ( la migliore amica dei sardi ) scherzi a parte la pecora e i suoi derivati in tempi passati era la catena alimentare prevalente degli isolani, anche il motore trainante dell'economia specie nei paesi dell'interno, non c'è festa o “spuntino” senza pecora, se c'è un caminetto a misura di spiedo ci sarà un pentolone a misura di pecora.

 

 

 

I dolci:

quello tipico per eccellenza e la seadas , e come il pane carasau sostituisce la bandiera dei quattro mori, questo tortello di pasta a forma circolare ripieno di formaggio aromatizzato al limone fritto, col miele sopra o lo zucchero, poi ci sono tanti tipi di dolci secchi la maggior parte a pasta di mandorla, tipo i sospiri le copulettas, tilicas, amaretti, aranzada, papassinos, urilletas, poi tanti altri ogni paese a le sue specialità per le feste patronali.

 

 





Contatti

Trattoria Casale Mariposa
Via Nuova Mamiano 2
Basilicanova
43022 Montechiarugolo
(PARMA)

Tel 0521 681.376
Fax 0521 652341

 Certificato di Eccellenza 2014 su Tripadvisor 

 

Orari

Martedì, mercoledì e giovedì
aperto per cena

Venerdì sabato domenica e festivi
aperto a pranzo e cena

Giorno di chiusura
Lunedì

Aperture straordinarie su prenotazione

Eventi e Serate