Seguici su Facebook

Ristorante sardo Parma - Mariposa

 


 

" La Favata sarda (faada, fae e lardu)  è un piatto, molto antico, e gli storici, finora, non sono riusciti a tracciarne i natali e l’evoluzione. ...

E’ il sapore intenso e unico della portata, che gli ha permesso di giungere intatta fino a noi.

Citazioni sulla preparazione si possono ritrovare nell’antica polenta chiamata da Plinio il Vecchio “puls fabata”, della quale si alimentavano gli Etruschi, e ricavata dalla cottura delle fave ridotte a purea, condita con lardo, carne e verdure. La si preparava e  offriva il 1° Giugno alla dea Carna, protettrice delle carni e degli organi interni dell’uomo. 

Anche Apicio ci ha lasciato ricette simili alla favata e in quella chiamata: Conciclam Apicianam (fave alla maniera di Apicio): “Prendi una pentola di Cuma pulita in cui fai cuocere le fave. Aggiungi Lucanica a tocchetti, polpettine di maiale e spalla. Pesta: pepe, ligustico, origano aneto, una cipolla secca, coriandolo fresco; tempera col garum e lavora con vino e garum. Versa nel tegame di Cuma e aggiungi l’olio. Fai cuocere a fuoco lento fino alla bollitura e servi.” 

La favata e il consumo in maniera solenne e di festa, potrebbe essere un piatto rituale come il banchetto funebre del “refrigerium”, speciale rito cristiano, dalle origini molto più antiche e cioè da quando i pagani costruivano accanto alle tombe, una cella per i banchetti funebri, da celebrare negli anniversari dei defunti. Si onorava la memoria del defunto e si cercava di ottenere una intercessione presso gli dei. "

Testi di Giovanni Fancello tratti dal sito www.taccuinistorici.it 

 



Menù:


aperitivo davanti al camino della barchessa

Antipasto:
salsicce, pancetta e gola
patate ripiene  al forno  con pasta di salsicce.

 Secondo:
misto di carne di maiale, in abbinamento fave, patate e verza.

Dolce:
zeppole

Vini:
vermentino Balari frizzante cantina  Monti
Cannonau riserva cantina  Jerzu

 

caffe, mirto o filu e ferru.

Costo della cena €.30.00

si accettano prenotazioni solo telefoniche

 



Contatti

Trattoria Casale Mariposa
Via Nuova Mamiano 2
Basilicanova
43022 Montechiarugolo
(PARMA)

Tel 0521 681.376
Fax 0521 652341

 Certificato di Eccellenza 2014 su Tripadvisor 

 

Orari

Martedì, mercoledì e giovedì
aperto per cena

Venerdì sabato domenica e festivi
aperto a pranzo e cena

Giorno di chiusura
Lunedì

Aperture straordinarie su prenotazione

Eventi e Serate